Il Guercino. Opere da quadrerie e collezioni del Seicento.

Il Forte di Bard apre la stagione 2019 delle sue grandi mostre con un progetto dedicato al protagonista indiscusso della pittura del Seicento emiliano: Giovan Francesco Barbieri, detto il Guercino. Dal 5 aprile sino al 30 giugno 2019 nelle sale delle Cannoniere della fortezza valdostana saranno presentati 54 capolavori provenienti da collezioni private e quadrerie. Tra le opere, appaiono dipinti di grande innovazione figurativa, riferibili a diverse fasi dell’attività dell’artista, dal vivo colorismo della fase giovanile alla maggiore compostezza classica delle opere tarde. Si tratta di una serie di tele di soggetto religioso, mitologico, letterario, di dimensioni variabili a seconda della destinazione all’interno delle quadrerie private dell’epoca. Le commissioni, oltre che attraverso i dipinti, sono testimoniate in mostra anche attraverso alcune stampe realizzate da incisori a lui vicini, come Giovanni Battista Pasqualini. I disegni, che rimasero per la gran parte nel suo studio, costituiscono un’accezione particolare del “Guercino privato”, trattandosi soprattutto di opere che il pittore custodiva personalmente, sia per utilizzarle per creazioni proprie o degli allievi all’interno della propria bottega. La mostra è realizzata in collaborazione con il Polo Museale dell’Emilia Romagna e curata da curata da Elena Rossoni e Luisa Berretti.

E sarà visitabile sino al 17 novembre, negli spazi del Museo delle Fortificazioni e delle Frontiere del Forte di Bard, la mostra fotografica Storia di un’avventura. Fotografie di Gianfranco Roselli, dedicata ai lavori di recupero del Forte a vent’anni dall’avvio dell’opera di recupero.L’esposizione attesta il lungo restauro architettonico attraverso le foto scattate prima e durante le fasi dei lavori: un vero e proprio racconto fotografico costituito da immagini di architettura di interni ed esterni, fasi del cantiere, persone e maestranze al lavoro, vedute e paesaggi del Forte e dal Forte, vie di comunicazione, segni antichi e moderni sul territorio. Uno sguardo architettonico e antropologico fatto attraverso le fotografie.

Info
Forte di Bard
Bard. Valle d’Aosta
T. 0125 833811
[email protected]
fortedibard.it

Precedente Concerto di primavera ad Ardea Successivo OpenArt - Festa delle Arti