Mostra : Elementi magici.

Maria Rita De Giorgio in mostra al Museo Archeologico Lavinium: Elementi magici e rituali è il titolo della mostra.

All’interno delle sale del Museo saranno allestite alcune opere dell’artista Maria Rita De Giorgio, un omaggio al Mediterraneo alla sua luce ai suoi colori e agli elementi Terra, Aria, Acqua che accompagnarono nel viaggio verso l’ignoto uomini testardi e coraggiosi che grazie ad una sorte benevola approdarono su queste sponde.

Gli ambienti incontaminati di un tempo con i loro suoni, gli odori ed i colori, erano terreno fertile per l’immaginazione ed esaltavano il desiderio di mettersi in contatto con questi spiriti elementari: per questo essi ricoprono un ruolo importante nella tradizione neopagana che consisteva appunto nell’osservare e codificare i fenomeni naturali e stagionali, strumenti e punti di riferimento per riti religiosi e antiche cerimonie.

L’artista utilizza corda, terre, sabbia, pietre e fibre vegetali, colori primari e secondari interpretano e raccontano il vissuto attraverso una stilizzazione di facile ed immediata lettura.

Maria Rita De Giorgio nasce a Roma dove frequenta il Liceo Artistico e l’accademia di Belle Arti corso di Scenografia, 1977. Negli anni successivi, partecipa a mostre pittoriche a Roma e Provincia, progetta e realizza scenografie e costumi per alcune compagnie di teatro. Nell’estate 1981 frequenta laboratori di maschere e tecniche teatrali e segue lezioni teorico-pratiche sull’espressività mimica e corporea con Marcel Marceau. Organizza e tiene diversi seminari di aggiornamento per le insegnanti di scuola materna ed elementare sull’espressività e tecniche di animazione e drammatizzazione. Dal 1982 al 1984 si trasferisce a Verona dove insegna Scenografia e Storia del Teatro presso l’Accademia di Belle Arti “Cignaroli”. Sperimenta un laboratorio di mimo e pittura gestuale per il recupero psicomotorio di bambini con problemi emotivi e caratteriali. Tra il 1992 e il 1997, acquisisce le tecniche del restauro del dipinto antico su tela, tecniche antiche che userà per la preparazione e la realizzazione delle sue particolari opere. Da sempre alterna il suo lavoro d’artista con l’insegnamento di Arte Plastica e Storia dell’Arte. Dal 2000 al 2007, ha insegnato presso la Scuola Francese di Tripoli in Libia. Ha esposto in sedi importanti quali il Museo Nazionale di Tripoli, il Museo della Cattedrale di Malta, l’Università di Abu Dhabi e a Roma, presso l’Archivio di Stato Sant’Ivo alla Sapienza, Castel Sant’Angelo e il Centro Luigi Di Sarro.

La mostra terminerà il 28 maggio

Per informazioni: tel. 06/91984744

—————————————————

Museo Archeologico Lavinium – Città di Pomezia
Via Pratica di Mare (loc. Borgo di Pratica)
00040 Pomezia (RM); tel/fax 06-91984744

Culturalazio – Museo del Comune di Pomezia
http://www.museopomezia.it/benvenuto.php

e-mail: [email protected]

 

Precedente Intervista a ROSA MARIA Successivo Aspettando la biennale - Galleria ItinerArte.